UN RAID DRITTO AL CUORE

“ Spacci, sei un terrorista, un assassino? Duccio chi diavolo sei? Cosa fai veramente nella vita?”

“ Abbassa la voce Elettra. Ci stanno guardando tutti!”

Ritraggo la mano dalla sua e, nel farlo, rovescio il resto del cappuccino sul tavolo. Afferro con rabbia il tovagliolo di carta e tampono quella piccola macchia scura. Poi alzo lo sguardo e fisso il mio fidanzato con aria di sfida. Sono stufa delle continue telefonate misteriose ad ogni ora del giorno e le sue scuse non mi bastano più. Ho, fortunatamente escluso l’esistenza di un’altra donna nella sua vita, perché la voce è sempre la stessa e sicuramente maschile. L’idea che possa far parte di qualche banda criminale mi sta avvelenando l’esistenza e il suo silenzio è un lento stillicidio.

“ Non mi importa della gente! Dannazione ho il diritto di sapere chi sei. Condividiamo la stessa casa da un anno ormai e io non ho alcun segreto da nasconderti perché ti ostini a trovare stupide scuse a queste telefonate?”

Si alza, paga il conto davanti la curiosità dei clienti del bar e mi fa cenno di seguirlo. Prendo la borsa e mi incammino con passo talmente veloce dal finire con lo zoppicare. Il mio piede destro non è ancora guarito, dopo la mia stupida caduta di bicicletta. Si volta e sospira chiudendo gli occhi come per voler mettere in ordine un frase che non trova via d’uscita. Apre bocca e squilla il cellulare. Sono tentata di strapparglielo di mano, ma non lo faccio. Duccio non si allontana come fa sempre, anzi, risponde con un secco si al suo interlocutore e riaggancia subito. Cade un silenzio imbarazzante tra di noi. Intorno la vita scorre come ogni giorno, ignara del nostro momento di svolta. Stavolta il mio fidanzato sa che non può inventarmi un’altra scusa. Ora è il momento della verità. Fa freddo eppure mi sembra di sudare dalla tensione.

“ Sono un terrorista…”

Sudo copiosamente, la testa mi martella e la vista mi si annebbia. Sento che mi stringe a sé, non faccio niente per allontanarlo, ma non accolgo neppure il suo abbraccio. Sono un inerme pezzo di legno. Le braccia penzolano dal mio corpo come prive di vita. Penso che avrei preferito essere tradita…forse!

“ Indosso un passamontagna, un giacchetto nero e uso una torcia per vedere nel buio. Mi intrufolo in luoghi privati per lasciare un’impronta del mio passaggio, una scritta sui muri dello stesso color rosso sangue che scorre in quei posti maledetti, a volte distruggo computer e postazioni di lavoro con una ferocia inaudita, dettata dalla rabbia. Il mio bottino è spesso troppo magro per le anime che restano a soffrire in nome di una scienza che non esiste”.

Lo guardo confusa. Quell’identikit è simile alla foto che è sul salvaschermo del mio pc. Un ragazzo stringe un beagle tra le braccia. Gli occhi del cane sono impauriti, smarriti e la faccia del suo salvatore nascosta da un passamontagna nero.

“ Sei un Alf?”

“ Si, sono un combattente del Fronte di Liberazione Animale”.

Ricambio la sua stretta con una forza da toglierli quasi il respiro. Non credevo di avere accanto a me uno di quegli angeli neri che rischiano la galera per liberare animali destinati alla vivisezione. Sono così orgogliosa che vorrei urlarlo al mondo intero, ma questa è una questione che dovrà rimanere nascosta e niente mi farà tradire la confessione che Duccio mi ha fatto. Il suo più grande regalo d’amore. (Continua)

Samanta

UN’UMILE DEDICA A LORO:

laverabestia.org

ESTRATTO DALLA LORO PAGINA FACEBOOK:

COSA E’ L’ANIMAL LIBERATION FRONT”

Le linee guida dell’ALF:

1- Liberare gli animali da luoghi di sfruttamento, come laboratori, allevamenti da carne e da pelliccia etc, e trovargli una casa dove vivere la loro vita naturale, senza sfruttamento e sofferenza.

2- Causare danni economici a chi si arricchisce con lo sfruttamento

animale.

3- Svelare l’orrore e le atrocità commesse in segreto ai danni degli animali, utilizzando a questo scopo l’azione diretta non-violenta e le liberazioni.

4- Prendere ogni necessaria precauzione affinché nessun animale, umano o

non-umano, venga ferito durante un’azione.

5- Ogni gruppo di persone che sono vegetariane o vegane e che fanno azioni secondo queste linee guida hanno il diritto di considerarsi parte dell’ALF.

L’Animal Liberation Front (ALF) o Fronte di Liberazione Animale (FLA) nella sua versione italiana, consiste di gruppi autonomi di persone che in tutto il mondo eseguono azioni seguendo queste linee guida.

Questi gruppi vengono chiamati cellule, che variano da un individuo a molte persone che lavorano insieme. Gli attivisti in una cellula non conoscono quelli di altre cellule

perché rimangono anonimi. Questo li aiuta a rimanere sconosciuti, a non coinvolgere troppe persone in caso di arresti o di persone che disgraziatamente cominciano a collaborare dopo un arresto, rimanendo dunque liberi di continuare ad agire.

Siccome non esiste una organizzazione centrale o un modo per iscriversi all’ALF, le persone si muovono solamente in base alla loro coscienza personale o alle decisioni della cellula con cui lavorano. L’ALF ha una struttura non gerarchica, in modo che ogni individuo che fa un azione ha il pieno controllo delle sue scelte e del suo destino.Ogni azione che segue le linee guida può essere considerata un’azione del’ALF.

I sabotaggi economici e il danneggiamento della proprietà privata sono considerate azioni ALF, così come lo sono le liberazioni degli animali.Siccome non c’è un modo per contattare l’ALF, perché l’ALF è solo un’idea e non una organizzazione, sta ad ognuno di voi decidere se prendere la responsabilità di lottare per fermare lo sfruttamento degli animali.

Un attivista arrestato per azioni ALF ha detto:

“quando vedi le immagini di un liberatore mascherato, smetti di chiederti chi potrebbe essere e comincia a guardare nello specchio!”

Annunci

7 thoughts on “UN RAID DRITTO AL CUORE

  1. E’ un racconto scritto con tanta passione, mi sono sentita coinvolta in prima persona, innanzitutto perché amo moltissimo gli animali e in secondo luogo perché trovo assurda e inutile la sofferenza che viene loro inflitta, con grande crudeltà e ignoranza, in nome della scienza… quale? Cosa si può veramente ottenere da esperimenti su animali, organismi con caratteristiche e reazioni totalmente diverse da quelle umane? Il tuo è un meraviglioso racconto d’amore, amore vero, per il proprio ragazzo, o coniuge, e per ogni creatura dell’universo, bravissima! Sono impaziente di leggerne il seguito. Grazie Samy, sei una forza!

  2. Samy, é impossibile non notare il tuo amore immenso per gli animali. Complimenti davvero. Una scrittrice brava ma anche molto sensibile. ^_^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...