LA DURA REALTA’ NASCOSTA

 

“Dai Flora mi accompagni al canile?”.

Anna mi strattona la maglia di lana che già è più larga del dovuto, se continua a farlo mi ritroverò nel giro di pochi minuti con un vestito.

“Lo sai che non ho stomaco di vedere quelle povere bestioline abbandonate e poi finirei col prenderne una e non è il caso!”

Finalmente lascia la presa e si siede sul mio caldo divano di velluto color rosso fuoco. Affonda la schiena sui cuscini di seta e inizia a giocare con una ciocca dei suoi lunghi capelli riccioluti. Siamo così diverse eppure amiche indivisibili. Io alta, mora e longilinea; lei grassottella di statura media e bionda platino. Anche i caratteri non si assomigliano, ma si completano. Sono timida e remissiva mentre lei è forte e risoluta, sempre pronta ad abbracciare anche le cause che sembrano perse già in partenza.

“E chi ti proibisce di farlo? Ti sei appena lasciata da quell’antipatico di Marco e sei libera di decidere della tua vita, cosa aspetti? Mi sbaglio o hai sempre desiderato un cane, non credi sia arrivata l’ora di agire?”

Ha ragione eppure ho paura. Non so bene di cosa, ma ho il terrore di non essere all’altezza di un esserino che dipenderà totalmente da me. Eppure ho tanta voglia di fare questo passo e forse, se non mi decido ora, va a finire che non lo farò mai più.

“Ti accompagno senza prometterti niente”.

Non mi lascia finire la frase che ha già indossato il suo piumino e spalancato la porta.

“Dai sbrigati, tra meno di mezz’ora arriva il pulmino dalla Spagna”.

Mi blocco nel mezzo della sala e la guardo con aria interrogativa. Lei non ci bada e mi fa cenno di darmi una mossa.

“Ti spiego strada facendo. Infilati quel dannato cappotto che la mia povera utilitaria ha bisogno di tempo per mettersi in moto, rischiamo di fare tardi”.

Cosa mi è venuto in mente in un sabato di dicembre, quando la maggior parte delle persone si riversa per le strade in cerca di regali natalizi, di seguire questa sciagurata? Ho il vago sospetto che non tornerò a casa da sola. O, forse, è una speranza cullata da tempo.

…Samanta (Continua)….

Annunci

7 thoughts on “LA DURA REALTA’ NASCOSTA

  1. Anna e Flora… due amiche che mi riportano d’incanto agli anni fanciulli: io, grassottella e risoluta, rossiccia di capelli, sempre pronta a far progetti e a lanciare sfide, Dana (amica del cuore), bruna, magrolina, longilinea, un po’ restia e diffidente talvolta nel raccogliere il guanto… E un cagnolino dolce, abbandonato da esseri sicuramente ottusi e bastardi, che sicuramente aspetta le due amiche, nel canile accanto a casa.
    Ma… che c’entra il pullmino dalla Spagna? Dài, Samy, sto attendendo anch’io qui, accanto ad Anna e Flora, le due tue simpatiche protagoniste delineate sapientemente in poche righe… Ma quando potrò leggere il resto? Da brava, ti aspetto.

    • Ciao Cara mia lettrice,

      presto posto la seconda, e non ultima parte. Ti dico che racconto una triste verità per aprire gli occhi a molti..ma ha un lieto fine!

  2. E ci lasci così? Hai destato la mia curiosità e e vorrei proprio sapere se Flora, per l’insistenza della sua cara amica Anna, si deciderà a cullare nel concreto il suo sogno di avere un cane, ora che sto Marco ( chi non ama gli animali è da evitare a priori) non plasma più negativamente la sua vita!

  3. Anch’io sono curiosa di sapere cosa succederà… anche se ho una preferenza per i gatti e ho un po’ paura dei cani gli animali soli o abbandonati mi fanno sempre pena…

    Cri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...