UNA FINTA FELICITA’

1 marzo 1779

Caro mio,

Non venite più a corte né inviate lunghe missive come un tempo. La vostra lontananza mi addolora e se devo essere sincera mi ferisce a tal punto da sentirmi sola e abbandonata. Gli ultimi tempi sono stati molto difficili da affrontare. Convincere il re a stare al mio fianco il più possibile mi sembra un’impresa fuori dalle mie capacità. Luigi è così chiuso che non riesco neppure a scambiarci qualche parola in più se non nei momenti canonici come il pranzo, la cena e i minuti che dividiamo insieme a nostra figlia. La corte è diventata insistente nell’attesa estenuante dell’annuncio di una mia nuova maternità tanto che non riesco neppure a gustarmi i miei soliti passatempi. Madame de Polignac organizza ogni sorta di ricevimento e ogni sera porta sui nuovi conoscenti al Petit Trianon per riempire i miei momenti di solitudine…e pensare che il popolo mi crede felice; ed è così che devo presentarmi al loro cospetto!

Vi attendo ancora…

Vostra Maria Antonietta.

LATTERA IMMAGINATA DA ME

Annunci

Una risposta a "UNA FINTA FELICITA’"

  1. Povera Maria Antonietta senza un marito con un carattere deciso accanto e con l’amsnte che si è eclissato…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...