UNA FINTA FELICITA’

1 marzo 1779

Caro mio,

Non venite più a corte né inviate lunghe missive come un tempo. La vostra lontananza mi addolora e se devo essere sincera mi ferisce a tal punto da sentirmi sola e abbandonata. Gli ultimi tempi sono stati molto difficili da affrontare. Convincere il re a stare al mio fianco il più possibile mi sembra un’impresa fuori dalle mie capacità. Luigi è così chiuso che non riesco neppure a scambiarci qualche parola in più se non nei momenti canonici come il pranzo, la cena e i minuti che dividiamo insieme a nostra figlia. La corte è diventata insistente nell’attesa estenuante dell’annuncio di una mia nuova maternità tanto che non riesco neppure a gustarmi i miei soliti passatempi. Madame de Polignac organizza ogni sorta di ricevimento e ogni sera porta sui nuovi conoscenti al Petit Trianon per riempire i miei momenti di solitudine…e pensare che il popolo mi crede felice; ed è così che devo presentarmi al loro cospetto!

Vi attendo ancora…

Vostra Maria Antonietta.

LATTERA IMMAGINATA DA ME

Annunci

One thought on “UNA FINTA FELICITA’

  1. Povera Maria Antonietta senza un marito con un carattere deciso accanto e con l’amsnte che si è eclissato…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...