LA NASCITA

21 Dicembre 1778

Mio adorato,

Vi ho pensato anche nel momento del dolore mentre tutti intorno cercavano di infondermi il coraggio necessario per partorire. Non mi sono mai vergognata tanto in vita mia neppure quando sono stata incoronata e sentivo gli occhi di tutta la Francia su di me, giovane fanciulla inesperta e ignara di quello che mi avrebbe riservato il futuro. Appena iniziate le doglie una folla di curiosi cortigiani si è radunata nella mia camera dove un misero paravento nascondeva parte del mio corpo. Così vuole l’etichetta reale e tale mi sono dovuta esporre ad occhi indiscreti forzandomi a trattenere le mie urla disperate. Il re era più in ansia di me e non faceva altro che asciugarmi la fronte e ripetere parole rassicuranti che non riuscivo neppure ad udire tanto era il mormorio in sottofondo. Caldo, aria malsana, rumore non era così che avevo immaginato questo momento! Ma io non sono una donna come le altre ed ogni avvenimento sembra volermi ricordare la mia dolorosa rinuncia alla sfera personale e intima della mia vita. Io appartengo al popolo! Non ho avuto coscienza della mia perdita di sensi. Madame de Polignac mi ha raccontato che il dottore ha dovuto salassarmi per farmi tornare in me. Ho sentito delle urla di gioia e dei pianti, credevo di aver reso felice la Francia dando alla luce un erede maschio, invece altro non erano che i cortigiani preoccupati della mia sorte. Io non mi sono resa conto di quello che mi era appena accaduto e l’ho subito dimenticato quando ho potuto abbracciare la piccola Maria Teresa Carlotta, una bambina paffutella e in perfetta salute. La mia creatura! Un maschio sarebbe appartenuto allo Stato mentre questa meravigliosa femminuccia allieterà i miei momenti più tristi… Quando Voi sarete lontano da me!

Come sempre Vi abbraccio con affetto.

Vostra Maria Antonietta

IL 19 DICEMBRE 1778 NASCE MADAME ROYALE QUESTE FURONO LE PAROLE DI MARIA ANTONIETTA:

« Povera bambina, non sei ciò che tutti desideravano, ma non per questo mi sei meno cara. Un maschio sarebbe appartenuto allo stato. Tu sarai mia, avrai tutte le mie cure, condividerai tutte le mie gioie e allevierai le mie pene. »

LETTERA IMMAGINA DA ME.

Annunci

One thought on “LA NASCITA

  1. Certo che stress dover partorire un erede maschio a tutti i costi… già all’epoca partorire era pericoloso anche per una regina… e poi poverina doveva avere pure la tensione dell’erede maschio…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...