UNA SARTA A CORTE Ed. Boopen.it e Lulu.com

img_00SARTA

PARIGI, 1749

Amélie si stringe dentro la mantella e affretta il passo, l’aria fredda sembra attraversarle anche l’umile veste di lana. Intorno il rumore delle ruote delle carrozze è assordante e il colore cupo del cielo fa presagire un imminente temporale invernale. Madame Rose sarà impaziente di vederla ritornare per conoscere la reazione della contessa Vigny nel ricevere il suo abito da sera. Cucire non era il suo unico compito,  infatti dopo la prematura morte di Alexandra, si era offerta di consegnare le creazioni sartoriali alle nobili clienti. Tale compito le permetteva anche di godere la bellezza della propria città. Al tempo stesso le ricordava i momenti più tristi della sua infanzia quando aiutava la povera madre a rammendare gli abiti delle signore più ricche. La fame e le cattive condizioni igieniche l’avevano lasciata orfana alla giovane età di quattordici anni e solo grazie alla bontà della più popolare sarta di Parigi aveva potuto godere di un letto e di un piatto caldo. Era stata una brava allieva ed aveva imparato in fretta l’arte del cucito. Proprio all’inizio di quest’anno, dopo dodici anni di duro lavoro,  aveva iniziato a disegnare modelli ambiti da tutte le grandi dame della nobiltà francese. A volte la sera, prima di addormentarsi, nel retro bottega indossava qualche abito di sua creazione e sognava di prendere parte ad un sontuoso ballo a corte. I racconti delle clienti riguardo la meravigliosa reggia di Versailles la incuriosivano oltre misura sperando un giorno di poterci andare, anche solo per una semplice consegna. Non si faceva illusioni a riguardo. Appena entrata in Place Vendôme si dirige verso la sartoria La Belle Dame dove la nuova ragazza, Annie, sta diligentemente pulendo la vetrina. “Buonasera, Amélie sei già di ritorno?” “Si, sono tornata a piedi per ammirare un po’ la nostra bella città. Madame Rose è dentro?” “Si , sta servendo la contessa Chambery. Ti sta aspettando in gloria per studiarle un modello su misura”. Annie era stata assunta dopo la morte di Alexandra, giovane ed inesperta ma molto volenterosa. Avevano istaurato subito un bel rapporto d’amicizia. Condividevano lo stesso letto e lo stesso cibo ma avevano visioni della vita ben distinte. Annie sperava di entrare a far parte della nobiltà e avrebbe fatto qualsiasi cosa pur di raggiungere questo traguardo. Amélie sapeva con certezza che non avrebbe mai potuto assaporare quelle agiatezze a lei così lontane sin dalla nascita. “Oh, ecco la mia brava costumista”. Madame Rose le si avvicina e le toglie la mantella di lana trascinandola subito al centro della bella stanza ovale, dove su un grande tavolo sono adagiati una grande quantità di pregiati tessuti. Alle pareti tanti disegni raffiguranti cartamodelli all’ultima moda e due grandi divani in velluto giallo dove le clienti potevano comodamente ammirare gli abiti appena cuciti. “Finalmente siete arrivata stavo quasi per andarmene”. La contessa Juliette Chambery le rivolge uno sguardo impaziente che mette in risalto i suoi grandi occhi verdi. Si toglie il cappello e scioglie i lunghi capelli biondi. “Ditemi mademoiselle, avete già un’idea del tessuto da utilizzare?” “Il tessuto più bello. Voglio essere splendente per il ballo dell’Opera”. Amélie è incuriosita dall’evento ma, per serietà e amore del proprio mestiere, si limita ad esaminare il materiale sparso sul tavolo senza fare ulteriori domande. “Questa seta color rosa ricamata con fiorellini in oro è appena arrivata ed è davvero di un’estrema finezza. Potremmo arricchirla con del pizzo in tinta e poi la vostra bellezza farà il resto”.

primo paragrafo del romanzo acquistabile su:

http://www.boopen.it/acquista/DettaglioOpera.aspx?param=11678

oppure scaricabile su:

http://www.stores.lulu.com/store.php?fAcctID=3973054

Annunci

One thought on “UNA SARTA A CORTE Ed. Boopen.it e Lulu.com

  1. Come ti sei trovata con boopen? La qualità della stampa è buona? Ho sentito qualcuno che si è lamentato perché ci mettono 5-6 mesi per stampare i volumi, è vero?
    Scusa tutte queste domande, ma vorrei farmi un’idea di come funziona…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...